• 347 1457707
  • info@emozioniinascolto.it
  • Lun - Ven : 9:30 - 20:30
  • Sabato : 9:30 - 14:30

servizi

Consulenze tecniche di parte

Nella Giustizia lo psicologo può essere chiamato come esperto in diversi ambiti: nel penale, nel civile, nel minorile e in particolari circostanze anche nell’amministrativo e nell’ecclesiastico. Le sue funzioni cambiano a seconda del settore in cui è chiamato ad operare.

Quando lo psicologo forense è nominato da un giudice viene indicato come“consulente tecnico d’ufficio” (CTU), mentre quando l’esperto viene richiesto dal privato cittadino è indicato come “consulente tecnico di parte” (CTP).
Lo psicologo esperto CTP può occuparsi di diversi ambiti: della valutazione del danno psicologico a causa di un evento accaduto alla persona, della valutazione dell’invalidità, della valutazione delle competenze genitoriali in caso di affido, della stesura di una relazione in caso di mobbing e della valutazione della testimonianza di un minore.

Per quanto riguarda le cause civili di affidamento e/o di valutazione delle capacità genitoriali, riportate negli ambiti di intervento del consulente, il ruolo del CTP è fondamentale e deve assumere una funzione di controllo tecnico sull’operato del consulente tecnico d’ufficio, partecipando a tutte le attività peritali del CTU nominato dal Giudice e cercando di dare ai fatti l’interpretazione maggiormente conveniente per il proprio cliente.

Il primo passo non ti porta dove vuoi ma ti toglie da dove sei.